Perchè Sanremo è Sanremo – seconda parte

1996 – Presenta Pippo Baudo con Sabrina Ferilli e Valeria Mazza. Vinsero Ron e Tosca con Vorrei incontrarti tra cent’anni e tra le nuove proposte Syria. Secondi classificati gli Elio e le Storie Tese con La terra dei cachi vero tormentone dell’anno (NB: nel video si nota uno dei pilastri del Festival: Peppe Vessicchio). Ultimi i New Trolls. Da segnalare anche la canzone preferita dai miei karaoke, ovvero Se adesso te ne vai di Massimo Di Cataldo, Volo così di Paola Turci, la presenza di Marina Rei con Al di là di questi anni ma soprattutto Carmen Consoli con Amore di plastica.

1997 – Conduce Mike Bongiorno con Piero Chiambretti che lancia il motto “Comunque vada sarà un successo” e si veste da angelo e diavolo; come co-conduttrice Valeria Marini. Vinsero i Jalisse con Fiumi di parole, diventati famosi proprio per non essere famosi e per aver fatto solo questa canzone. Tra le nuove proposte vinsero Paola e Chiara con Amici come prima. Da segnalare: E dimmi che non vuoi morire, cantata da Patty Pravo e scritta da Vasco e Gaetano Curreri, il tormentone di Nek Laura non c’è, Niccolò Fabi con Capelli e il compianto Alex Baroni tra le nuove proposte. Tra gli esordienti partecipò anche Mikimix che altro non era che Caparezza. Da ricordare anche la presenza di gruppi “di nicchia” come i Cattivi Pensieri e i Pitura Freska con Papa Nero, ma soprattutto la boyband italiana: i Ragazzi Italiani con Vero Amore. Incredibile a dirsi ma non passò la prima parte della gara Carmen Consoli con Confusa e felice. Ma il momento clou fu senza dubbio l’esibizione delle Spice Girls.

1998 – Presenta Raimondo Vianello con Eva Herzigova e Veronica Pivetti, in un continuo finto battibecco tra la bella e la bruttina. Vinse Annalisa Minetti che lanciò la moda del capello maculato. Ultimo Enzo Jannacci. Da segnalare: Lasciarsi un giorno a Roma di Niccolò Fabi e la presenza di un ospite straniero importantissimo ovvero Madonna, che presentò Frozen. Tra gli ospiti anche le All Saints, i Backstreet Boys, Ricky Martin, Jimmy Page e Robert Plant, Celine Dion, gli Aqua e Bryan Adams.

1999 – Conduce Fabio Fazio con la bellissima Laetitia Casta e il premio Nobel Dulbecco. Vinse Anna Oxa con Senza pietà (fantastica la sua presenza scenica unta e con tanga) e tra i giovani Alex Britti con Oggi sono io. Ultimo Massimo Di Cataldo. Da segnalare la presenza di Marina Rei e Daniele Silvestri con la sua canzone impegnata Aria e tra le giovani proposte Max Gazzè con Una musica può fare e i Quintorigo. Tra gli ospiti i Blur.

2000 – Edizione condotta da Fabio Fazio e Ines Sastre (la modella col neo sulle labbra) insieme a Teo Teocoli e Pavarotti. Vincono gli Avion Travel con Sentimento e nelle nuove proposte Jenny B (quella che cantava le canzoni di Corona negli anni ‘90). Ultimo Umberto Tozzi. La classifica finale fu volutamente falsata dalla giuria di qualità, che diede voti bassi a tutti i cantanti in gara eccetto al gruppo di Peppe Servillo con l’obiettivo di premiare e far vincere un brano di qualità.

Da ricordare comunque tutte le canzoni che hanno avuto molto più successo della vincitrice: La tua ragazza sempre di Irene Grandi, che arrivò seconda; Il timido ubriaco di Max Gazzè; Replay di Samuele Bersani; In bianco e nero di Carmen Consoli; Tutti i miei sbagli dei Subsonica nella loro unica apparizione al festival. Tra le nuove proposte: Tiromancino con Riccardo Sinigallia. Tra gli ospiti: Eurythmics, gli Oasis (che cantarono Go Let it out), Tina Turner, Lucio Dalla, Robbie Williams, Goran Bregovic, Bono e The Edge degli U2, Sting e Tom Jones. Insomma, non risparmiavano.

2001 – Condotto da Raffaella Carrà affiancata da Megan Gale, modella a quei tempi famosa per delle pubblicità, e con Massimo Ceccherini ed Enrico Papi, criticati duramente per la loro eccessiva volgarità. Vinse Elisa con Luce che finora aveva sempre cantato in inglese. Seconda Giorgia con Di sole e d’azzurro. Tra i giovani vinsero i Gazosa, il gruppo di fratelli adolescenti per fortuna scomparso. Ultimi i Bluvertigo con L’assenzio.

Tra gli ospiti internazionali fu criticata la presenza di Eminem, che invece fu molto bravo. Spettacolo lo dette invece Brian Molko dei Placebo che distrusse una chitarra sul palco dell’Ariston facendo infuriare il pubblico. Come dimenticare questo meraviglioso momento.

Da ricordare infine, la “rissa” che coinvolse i Sottotono con Striscia la Notizia che accusò il gruppo rap di plagio.

2002 – Dopo 6 anni torna finalmente Pippo Baudo accompagnato dalle attrici Manuela Arcuri e Vittoria Belvedere e da Roberto Benigni, accusato di faziosità politica dai sostenitori di Berlusconi. Giuliano Ferrara infatti, preannunciò che avrebbe lanciato uova e verdura su Benigni il giorno della finale ma non tenne fede alle sue minacce.

Il Festival fu vinto dai Matia Bazar e nei giovani da Anna Tatangelo. Ultimi i Timoria. Da ricordare: Salirò di Daniele Silvestri, che si presentò sul palco con un ballerino e l’esibizione (non certo memorabile) delle Spice Girls italiane ovvero le Lollipop. Tra gli ospiti: Kylie Minogue, Alanis Morissette che cantò Hands Clean, Shakira, nientepopòdimenoche le Destiny’s Child, Alicia Keys, i Cranberries e Britney Spears.

2003 – Al timone sempre Baudo con Serena Autieri e Claudia Gerini. La vincitrice fu Alexia e nei giovani Dolcenera (Siamo tutti là fuori hit del Mamamia di quell’anno). Ultima classificata Iva Zanicchi. Polemiche per la presenza di Alina, una ragazzina di 12 anni, la cantante più giovane mai apparsa sul palco del festival. Chissà che ha fatto poi nella vita. Pochi gli ospiti di spessore oltre a Peter Gabriel come poche le canzoni di rilievo; da segnalare la presenza degli Eiffel 65 e l’ultima apparizione di Giuni Russo.

Il caso dell’anno riguardò il Dopofestival che inizialmente doveva essere presentato da Vittorio Sgarbi che avrebbe voluto accanto a sé l’ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga e l’attrice transgender Cristina Bugatty. La Rai non approvò la presenza della Bugatty, causando le proteste delle associazioni LGBTQ, e l’incarico di conduttore passò a Pippo Baudo.

2004 – Condotto da Simona Ventura, dopo la rinuncia di Bonolis, con Gene Gnocchi e con la partecipazione di Paola Cortellesi e Maurizio Crozza. Vinse Marco Masini e nessun giovane perché per la prima volta non c’era la divisione ma tutti gareggiavano insieme. Ultimo arrivato Piotta. Per la prima volta fu usato il televoto.

Le case discografiche boicottarono la manifestazione, non inserendo nomi di spicco né tra i partecipanti alla gara né tra gli ospiti d’onore, a causa di disaccordi con l’organizzatore Tony Renis. Il cast era quindi composto quasi prevalentemente da semi sconosciuti. Nella serata finale apparse Celentano (dopo varie polemiche) che si dilungò talmente tanto come suo solito che il ballerino Joaquin Cortès, che doveva esibirsi dopo, abbandonò polemicamente la kermesse per il ritardo, senza esibirsi.

Inizia ora un lungo periodo di tedio e poche emozioni. Nel 2005 il festival fu presentato da Paolo Bonolis affiancato da Antonella Clerici e Federica Felini (che non sappiamo chi sia). Vincitore fu Renga con Angelo mentre per i giovani Laura Bono (che non sappiamo chi sia nemmeno lei). Durante il Festival fu annunciata in diretta la morte di Alberto Castagna e la liberazione della giornalista Giuliana Sgrena (ma della morte di Nicola Calipari, il poliziotto che liberò la giornalista). Questi furono gli unici eventi interessanti di questa edizione.

2006 e 2007: edizioni totalmente prive di interesse. La prima fu condotta da Panariello con Ilary Blasi e Victoria Cabello. Vinse Povia con la canzone Vorrei avere il becco mentre per i giovani il tutt’ora sconosciuto Riccardo Maffoni. Ultimo Cristicchi. Loredana Berté fu esclusa dalla gara perché non inviò in tempo l’accettazione del regolamento. Nel 2007 la palla ritorna a Baudo insieme a Michelle Hunziker. Vince Simone Cristicchi con Ti regalerò una rosa mentre tra i giovani Fabrizio Moro con Pensa. Ultimi i Velvet. Unico evento pimpante: la bestemmia fuori campo uscita non si sa bene a chi.

2008 – Conducono Pippo Baudo e Piero Chiambretti (che sostituisce il fuggitivo Fiorello) insieme a Bianca Guaccero e Andrea Osvart. Vincitori sono Lola Ponce e Giò di Tonno con una canzone che ricordo inascoltabile. Per i giovani vincono i Sonhora che sono per fortuna scomparsi. Questa è l’edizione meno vista di sempre. Da ricordare Il solito sesso di Max Gazzè, l’esclusione della Bertè per plagio, Ben Harper tra gli ospiti. Ultimo classificato Mario Venuti.

2009 – Edizione condotta da Bonolis con il fido Laurentis e vari co-conduttori, tra i quali Maria De Filippi. Vince Marco Carta e tra le nuove proposte Arisa con Sincerità. Da segnalare il controverso brano di Povia Luca era gay dove raccontava la storia di un ragazzo gay che poi è diventato eterosessuale (…) Prima e ultima partecipazione degli Afterhours (Il paese è reale). Tra le nuove proposte da segnalare anche Malika Ayane con Come foglie e tra gli ospiti Kate Perry e Lucio Dalla. Curiosità: una pornostar salì sul palco nuda per protestare contro l’utilizzo delle pellicce.

2010 – Conduzione in solitaria di Antonella Clerici. Vinse Valerio Scanu e tra i giovani Tony Maiello, probabilmente proveniente da un talent, chissà. Morgan venne escluso prima dell’inizio per le sue dichiarazioni sull’utilizzo abituale di cocaina come sonnifero/calmante di qualche settimana prima.

Da segnalare: il secondo posto di Pupo con Emanuele Filiberto di Savoia (e Luca Canonici che non so chi sia), fischiati praticamente sempre, la presenza di tanti cantanti provenienti dai vari talent show e la protesta degli orchestrali indignati dall’assenza nel podio di Noemi e Malika Ayane. Purtroppo anche stavolta c’è la canzone di denuncia sociale (ahaha) di Povia, che stavolta parla di Eluana Englaro. Meno male non me la ricordo.

2011 e 2012 Ritorniamo due edizioni piuttosto insulse condotte da Gianni Morandi. La prima con la Canalis e Belen Rodriguez (è l’anno della farfallina, sì) e Luca e Paolo. Vince Roberto Vecchioni con Chiamami ancora amore e tra i giovani Raphael Gualazzi. Ultima Patty Pravo. L’anno successivo Morandi è accompagnato da Rocco Papaleo e Ivana Mrázová. Vinse Emma Marrone, ultimi i Marlene Kuntz. Da ricordare l’ultima esibizione in TV di Lucio Dalla che morirà qualche settimana dopo, e che si rese protagonista accusando Celentano di sequestro del pubblico (dopo un monologo lunghissimo contro frati, preti e chiesa).

2013 – Presentato da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto e caratterizzato da ben due brani per artista, come se uno non fosse sufficiente. Vinse Marco Mengoni con L’essenziale mentre nei giovani Antonio Maggio. Da segnalare: La canzone mononota degli Elio e Le Storie Tese, Sotto casa di Max Gazzè, Vorrei dei Marta Sui Tubi e la partecipazione degli Almamegretta (che arrivarono ultimi). Da segnalare inoltre Anthony and The Johnsons che hanno cantato You are my sister.

2014 – Presentato anche stavolta da Fazio e Littizzetto. Vince Arisa con Controvento e tra i giovani Rocco Hunt con Nu juorno buono, prima vittoria di un brano rap. Da ricordare: la partecipazione dei Perturbazione, Pedala di Frankie Hi Nrg, la squalifica della bellissima canzone Prima di andare via di Riccardo Sinigallia, Cat Stevens e Paolo Nutini. Fazio tenta di emulare Baudo sventando un suicidio di due disoccupati (ma il maestro è inarrivabile). In generale tanta noia.

2015 e 2016 – Edizioni entrambe presentate da Carlo Conti, il primo anno con Arisa ed Emma e la modella Rocio Munoz Morales. Vince il trio lirico Il Volo e tra i giovani Giovanni Caccamo. Musicalmente non c’è da segnalare niente. Standing ovation per Tiziano Ferro. Noia. L’anno successivo è accompagnato da Gabriel Garko, dalla modella Madalina Ghenea e da Virginia Raffaele. Vincono gli Stadio e tra le nuove proposte Francesco Gabbani. Da segnalare: Elio e le Storie Tese vestiti da Kiss.

2017 e 2018. Il primo è presentato da Carlo Conti e Maria de Filippi con intermezzi comici di Crozza; vincitore Francesco Gabbani con Occidentali’s Karma. Nelle nuove proposte vince il tutt’ora sconosciuto Lele. Nel 2017 presenta per la prima volta Claudio Baglioni insieme a Michelle Hunziker e l’attore Favino. Vincitori Ermal Meta e Francesco Moro e tra le nuove proposte Ultimo. Fanalino di coda gli Elio e le Storie Tese con Arrivederci. Noia piatta.

2019 – Anche quest’anno conduce Claudio Baglioni con Bisio e Virginia Raffaele. Vince Mahmood con Soldi scatenando Salvini. Anche Ultimo, secondo classificato, non la prese per niente bene. Ingiustamente quarta la Berté con Cosa ti aspetti da me. Ultimo Nino D’Angelo. Da ricordare: l’esordio a San Remo di Achille Lauro con Rolls Royce, la partecipazione di vari artisti indie (Motta, Ex Otago), L’amore è una dittatura degli Zen Circus, Patty Pravo che si arrabbia.

2020 – Prima conduzione di Amadeus insieme a Fiorello e a varie co-conduttrici (Rula Jebreal, Diletta Leotta, Sabrina Salerno). Vince Diodato con Fai rumoreeeeee e Leo Gassman tra le nuove proposte (il figlio di Alessandro). Ultimo Riki che ancora nessuno sa chi sia. Da segnalare: i cambi d’abito di Achille Lauro, la lite tra Morgan e Bugo ed Elettra Lamborghini con Musica (e il resto scompare), che prima twerka sul direttore della Rai poi duetta con Miss Keta.

Ecco la playlist aggiornata e buon ascolto e buona visione!

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.