L’arte fuori porta

Sono riaperti i musei e sono possibili le gite fuori porta. Ecco quindi un piccolo bignami sulle mostre in corso da associare anche ad una mini vacanzina o gita eno culinaria.

American Art 1961 – 2001, Palazzo Strozzi, Firenze (fino al 29 agosto). L’esposizione celebra la grande arte americana in quarant’anni di storia dagli anni Sessanta agli anni Duemila raccogliendo più di 80 opere di 55 artisti americani tra pittura, fotografia, video, scultura e installazioni in prestito dal Walker Art Center di Minneapolis, uno dei più importanti musei di arte contemporanea del mondo. I nomi sono quelli di Andy Warhol, Mark Rothko, Louise Nevelson, Roy Lichtenstein, Claes Oldenburg, Bruce Nauman, Barbara Kruger, Robert Mapplethorpe, Cindy Sherman, Matthew Barney e Kara Walker.

Centro Pecci Prato – offre sempre interessanti mostre di arte contemporanea e altre attività che potete consultare al seguente sito: https://centropecci.it/

De Chirico a Pisa (Palazzo Blu fino al 5 settembre). La mostra propone una intensa e documentata retrospettiva sulle opere di uno degli artisti più conosciuti e apprezzati del Novecento, presentando i lavori di tutta la prestigiosa carriera dell’artista, in un percorso cronologico dal primo Novecento agli anni della grande pittura Metafisica fino all’ultima fase neometafisica.

Lu.C.C.A. Lucca Center of Contemporary Art, Lucca – per restare in casa, avete ancora pochi giorni per assistere alla mostra “La realtà svelata. Il Surrealismo e la metafisica del sogno. Magritte, Dalí, Miró, Masson, Man Ray, Bellmer, Matta e De Chirico”, visitabile fino al 6 giugno.

Padova, Centro Altinate San Gaetano, Van Gogh e i colori della vita. Ancora per pochi giorni e per una gita fuori porta last minute (fino al 6 giugno), la mostra propone circa 82 opere di ognuno tra i periodi della vita di Van Gogh, da quello olandese fino al tempo francese vissuto tra Parigi, la Provenza e Auvers-sur-Oise. Ad esse sarà affiancata una selezione di una ulteriore quindicina di capolavori di artisti a lui precisamente collegati (Millet, Gauguin, Seurat, Signac, Hiroshige).

Palazzo Albergati, Bologna. In questo spazio ci sono ben due mostre da visitare: I love Lego e Andrea Pazienza (fino al 26 settembre). Quest’ultima mette in mostra oltre 100 opere provenienti dagli archivi delle persone più vicine al fumettista come il fratello, la sorella, la moglie e altri, tra tavole originali dei fumetti e opere pittoriche fatte con i materiali più diversi: dai pennarelli alle tempere, dalla matite ai colori acrilici e molto altro.
Ad arricchire la mostra anche una selezione di bellissime e storiche immagini del grande fotografo e artista visuale Enrico Scuro.

I LOVE LEGO invece, presenta in scala ridotta 7 mondi costruiti con i mattoncini più famosi del mondo: dalla frenesia della città contemporanea alle avventure leggendarie dei pirati; dai paesaggi medievali agli splendori dell’Antica Roma; dalla conquista dello spazio, alla riproduzione di un paesaggio artico per arrivare allo scenario della Liberazione. Queste riproduzioni sono state create da un gruppo di collezionisti tra i più importanti in Europa, che hanno impiegato anni a mettere insieme questa enorme mole di pezzi.

Peter Lindbergh, Untold Stories (fino al 20/06 al Museo Madre Napoli). Nel capoluogo partenopeo potete invece visitare la mostra di Lindbergh, uno dei più importanti fotografi di moda scomparso nel 2019.

Kate Moss

Le signore dell’arte, Palazzo Reale Milano (fino al 25/07). La mostra raccoglie oltre 130 opere di 34 artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600, tra le quali Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Giovanna Garzoni e tante altre, per raccontare incredibili storie di donne talentuose e moderne.

Banksy. A Visual Protest. Chiostro del Bramante, Roma (9 gennaio 2021). Il percorso espositivo è composto da circa 90 opere che raccontano al pubblico il mondo di Banksy attraverso fotografie, reportage e video.

Lucca – Fino al 22 agosto 2021, nell’ambito del Photolux Festival 2021 di Lucca, Villa Bottini ospita due mostre, prodotte dall’Archivio Fotografico Lucchese, che si pongono come momento di riflessione sull’anno appena trascorso, caratterizzato dalla diffusione del Coronavirus. La prima è la collettiva L’inizio del futuro, curata da Giulia Ticozzi e Arcipelago-19, con una installazione audiovisiva di Cesura, che ripercorre le diverse fasi della pandemia attraverso il racconto di fotografi freelance.
La seconda, dal titolo Racconti della Pandemia, curata da Enrico Stefanelli e Chiara Ruberti, presenta una selezione dei materiali acquisiti in questo anno nel fondo Covid-19 e relativi all’emergenza sanitaria nel territorio lucchese, grazie a immagini e filmati di autori, non necessariamente professionisti, che vivono e lavorano a Lucca e nella sua provincia.
Maggiori informazioni: http://www.photoluxfestival.it/it/

Tina Modotti. Donne, Messico e libertà. Mudec, Milano (fino al 07/11). Tina Modotti era una fotografa, attivista e attrice italiana che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della fotografia contemporanea. I suoi celebri scatti, che compongono le collezioni dei più importanti musei del mondo, sono il simbolo di una donna emancipata e moderna, la cui arte fotografica è indissolubilmente legata al suo impegno sociale. La mostra offre un centinaio di fotografie, stampe originali ai sali d’argento degli anni Settanta, lettere, documenti e video.

L’Italia di Magnum. Da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Palazzo Ducale di Genova, fino al 18 luglio. Una straordinaria carrellata di oltre duecento fotografie che raccontano la cronaca, la storia e il costume del nostro paese dal dopoguerra a oggi. Venti autori dell’agenzia Magnum Photos, la più importante al mondo, scelti per raccontare storie, personaggi e luoghi dell’Italia degli ultimi settant’anni, con immagini molto note e altre meno. Tra i fotografi: Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, David Seymour, Elliott Erwitt, Paolo Pellegrin e molti altri.

Josef Koudelka. Radici. Museo dell’Ara Pacis, Roma (fino al 28/08). La mostra dedicata al grande fotografo dell’agenzia Magnum documenta con oltre cento immagini lo straordinario viaggio fotografico di Koudelka alla ricerca delle radici della nostra storia nei più importanti siti archeologici del Mediterraneo.

Prima, donna. Margaret Bourke-Whit, Palazzo Reale di Milano (fino al 28/08). La mostra celebra una tra le figure più rappresentative ed emblematiche del fotogiornalismo. Accanto alle fotografie, una serie di documenti e immagini personali, video e testi autobiografici che raccontano la personalità di questa importante fotografa, la sua visione e la sua vita controcorrente.

Ligabue & Vitaloni. Dare voce alla natura, Palazzo Tarasconi Parma (29/08). La mostra mette in dialogo 83 dipinti e 4 sculture di Ligabue con 15 opere del contemporaneo Michele Vitaloni: al centro, il mondo naturale e animale.


 

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.